L’alpì poeta

An sà riac

An sa riac ol des dè Mac;
Con i parole an ga poch a che fa;
Al pòst di paròle an cercherà dè fa i fac.
An promèt nigot!!
An farà chèl che sa pöl e chèl che Dio al völ.
I Alpini iè crapù chèl chi fisa i la fa dèl bù!
Iè gnöch e dür come i sass;
I ostacoi i ma fa mia pura, an sa abitüac a
scàalcai come mi scàalca i montagne.
Söl capèl i ma metit öna pena,
pèr sligerim ol co.
Perchè an sa abitüac a sbicà zo ol crapù
e a rià a la solusiù.
A töc an ga öl be!…..
basta che i ga pèste mia i pe!!!L’Alpì poet
Siamo arrivati il 10 di Maggio;
Con le parole abbiamo poco ha che fare,
Al posto delle parole cercheremo di fare i fatti.
Non promettiamo niente!!
Faremo quello che si potrà e quello che DIO vorrà.
Gli alpini sono testardi, quello che si prefiggono lo
fanno veramente!
Sono cocciuti e duri come i sassi;
Gli ostacoli non ci fanno paura, siamo abituati a
scavalcarli come scavalchiamo le montagne.
Sul cappello ci hanno messo una pena,
per alleggerirci la testa!!
Perché siamo abituati ad abbassare il testone
ed arrivare alla soluzione.
A tutti vogliamo bene…
basta che non ci pestino i piedi!!!!
L’Alpino poeta

 

L’alpì

L’ Alpì
L’è öna somesa dè mia pèrt.
Portat a öta chi ga bösögn.
I pasa i agn i chiei i ve gris ma….
Nigra la resta la pèna söl capèl.
Om dè paròla e cör sincer. .
L’Alpino
E’ una semente da non perdere.
Portato ad aiutare chi ha bisogno.
Passano gli anni i capelli diventano grigi ma…
Nera rimane la penna sul cappello.
Uomo di parola e cuore sincero.

Lascia un commento